Logo Rai3

Ulisse
Il piacere della scoperta

Il sabato alle 21:30

    » Segnala ad un amico

    Il 3 ottobre, in prima serata su RAITRE, tornerà “Ulisse, il piacere della Scoperta”.

    Alberto Angela, ci farà viaggiare nello spazio e nel tempo portandoci, con 6 nuove puntate, alla scoperta di eventi storici, esperimenti scientifici, viaggi spettacolari e classici della letteratura mondiale.


    Sabato 3 ottobre, alle 21.30, “Ulisse” riprende la sua avventura raccontando uno dei momenti più importanti della storia di Roma: il lungo conflitto con Cartagine, la sua rivale più pericolosa.  

    Una guerra durata oltre un secolo che si concluse con la distruzione della città nemica e la trasformazione di Roma in potenza egemone del Mediterraneo.

    Da Roma, dal Sepolcro degli Scipioni e dal Lago Trasimeno in Umbria, Alberto Angela ci racconta la storia di due famiglie che si scontrarono oltre 2000 anni fa: quella di Annibale Barca e quella degli Scipioni.

    Anche attraverso ricostruzioni grafiche e fiction in costume,  ricreeremo la vita quotidiana a Cartagine e la figura di Annibale, uno dei più grandi generali della storia.

    Marciando verso la capitale con un esercito di 100mila uomini  e 37 elefanti, attraverso le Alpi, riusci’ ad arrivare alle porte di Roma senza essere mai, in realtà, sconfitto  sul campo dai Romani.

    Alberto Angela ci porterà poi alla scoperta di una regione italiana molto amata, non solo dai turisti ma anche dagli archeologi, dagli storici e dagli intellettuali: la Puglia.

    Il nord della Puglia, celebre per i suoi castelli Federiciani (il più famoso di tutti è Castel Del Monte),  e poi Bari, Alberobello e Barletta dove racconteremo la famosa e celebre “disfida”: un trionfo italiano, forse il primo, sulla spavalderia francese.

    E poi il Sud della regione,  le sue meraviglie storiche e architettoniche, il Salento, le grotte marine e il museo Marta di Taranto con i suoi  gioielli unici. E ancora, andremo a visitare Lecce con i suoi splendidi palazzi barocchi, Gallipoli e, fra altri splendidi edifici,  la Cattedrale di Otranto.

    Non mancheranno le masserie, per le quali la Puglia è famosa e che sono sparse su tutto il suo territorio. Molte di esse sono state rimodernate e trasformate in strutture turistiche, ma altre conservano ancora un’antica identità: erano fortificate e i contadini, oltre a viverci, all’interno lavoravano la terra, allevavano gli animali e producevano uno degli oli più famosi del mondo.

    In sintesi, un viaggio in una regione affascinante, della quale scopriremo i tesori storici, le tradizioni folkloristiche, la cucina, la musica, le chiese e i panorami.

    Vi siete mai chiesti qual è stato il film campione di incassi di tutti i tempi? E quale è stato il film più costoso?  E’ Via Col Vento, la grande storia d’amore tra Scarlett O’Hara (questo il nome originale di Rossella) e Rhett Butler, sulla sfondo della guerra civile americana. La guerra degli Stati del Sud, la cui economia era basata sullo sfruttamento della schiavitù, contro gli stati del Nord. Una guerra per l’anima di una nazione, ma anche il primo conflitto moderno.

    Lo vedremo partendo dall’attrice che venne scelta per interpretare la protagonista del romanzo di Margareth Mitchell, Vivien Leigh.

    Racconteremo anche il dietro le quinte di Via  Col Vento, e, passando dalla finzione cinematografica alla realtà, la vita difficile di chi di restava a casa con fidanzati e familiari al fronte.

    Ulisse ci farà poi compiere un viaggio scientifico che ci porterà dai più diversi e selvaggi ambienti naturali ai più avanzati laboratori per nuove tecnologie. Scopriremo i curiosi e sorprendenti adattamenti che gli esseri viventi hanno sviluppato per muoversi in acqua, aria, o terra;  per scambiarsi segnali che noi non riusciamo a percepire; o per vivere nei luoghi più estremi. E poi con i ricercatori cercheremo di capire se è possibile fare nostre le straordinarie capacità che ammiriamo in natura, e utilizzarle per migliorare l’esistenza degli esseri umani. Ad esempio per aiutare chi non riesce a vedere o a camminare, per costruire robot sofisticatissimi, o ancora per usi che sembrerebbero totalmente lontani dalla natura che li ha ispirati, come riprodurre il modo di comunicare degli elefanti per soccorrere le vittime di un incidente in miniera o la testa di un picchio per progettare dei caschi indistruttibili.   

    Torneremo poi indietro nel tempo, all’inizio dell’800 e racconteremo la storia della nascita del famoso romanzo “Moby Dick”  e della lotta tra l’uomo e i grandi abitanti dei mari.

    Melville, l’autore, per scrivere questa storia partì da un fatto di cronaca di quei tempi: era il 1820  e la baleniera Essex fece naufragio a causa di una balena lunga 26 metri e pesante oltre 80 tonnellate di peso. Un fatto che  destò grande scalpore all'epoca: tutti i giornali ne parlarono... La caccia al capodoglio condotta dalle baleniere dell'inizio dell'800 era un'attività pericolosa. Lanciarsi all'inseguimento dei capodogli su piccole lance richiedeva una certa dose di coraggio. Non di rado la lancia veniva rovesciata in mare oppure il capodoglio riusciva a inabissarsi, sfuggendo ai propri cacciatori.

    In questi casi, che fine facevano i naufraghi? Come si potevano salvare? Racconteremo anche la storia degli strumenti di navigazione come la bussola e il quadrante e come si orientavano una volta i marinai, grazie alle stelle.

     Alberto Angela ci farà dunque viaggiare ancora ogni sabato, raccontandoci la spettacolarità del nostro mondo, della nostra storia, della natura nella quale viviamo.

    “Ulisse, il Piacere della scoperta”, secondo il rapporto  Qualitel è  il programma più amato dagli utenti del servizio pubblico nel 2015.

     

     

    Rai.it

    Siti Rai online: 847